Adobe Muse CC 2014, creare siti web senza codice?

Il nuovo prodotto di casa Adobe promette ai principianti del web design di creare siti web senza scrivere codice. È vero?
Abbiamo provato e valutato alcune caratteristiche di Adobe Muse CC 2014.

Recensione su Adobe Muse CC

Si può quindi creare un sito web senza codice con Muse? Dipende da che punto di vista si valuta questa l’affermazione: se la valutiamo da “principianti”, cioè come coloro che non conoscono il web, il suo funzionamento ed i suoi linguaggi, la risposta potrebbe essere affermativa, fatti ovviamente salvi i “bug” di visualizzazione che anche la versione 2014 contiene (fai una cosa e ne vedi un’altra).

Continua a leggere Adobe Muse CC 2014, creare siti web senza codice?

Addio Creative Suite: Adobe CS adesso è Creative Cloud

La sotware house Adobe ha effettuato una profonda revisione dei dieci anni di Creative Suite, che sarà ora nota come Creative Cloud. Da ora in poi, non si compreranno più le versioni aggiornate dei software più o meno ogni biennio, ma avrete modo di acquistare un abbonamento mensile al costo di € 24,59 per la singola applicazione, di € 61,49 al mese per avere il piano completo di tutti i software Creative Cloud (in più, un’offerta vantaggiosa: il primo anno costerà € 36,89 per chiunque abbia una CS3 o numero successivo di serie).
Presenti anche le versioni per studenti e insegnanti a partire da 19,90€ al mese (versione completa).

Continua a leggere Addio Creative Suite: Adobe CS adesso è Creative Cloud

Software (programmi) e fasi lavorative per il web design layout

Ecco una valutazione personale su quali siano attualmente i migliori programmi/software, nonché le fasi di lavoro e le procedure corrette per la creazione di layout per siti web moderni, efficaci, ed in linea con le specifiche del web. In questo articolo cercheremo di dare una risposta alle numerose domande che mi vengono poste dai miei allievi quando scelgono un corso di web design del nostro studio (link, pagina dei nostri corsi). Ma iniziamo con l’articolo e analizziamo le fasi lavorative per ottenere un buon layout per un sito web.

Lo studio dei contenuti

Qui non parlerò di software di progettualità; tale requisito è alla base di ogni creazione, artistica o artigianale che sia.
Non ci si può esimere dalla fase progettuale che, nell’ambito della grafica e della comunicazione finalizzata al web, pretende uno studio approfondito che parte dai contenuti (testi, immagini, loghi, video, animazioni, elementi di interazione con l’utente), i quali devono essere studiati e disposti per pagine, sezioni, categorie. Avete mai provato a fare un volantino senza avere studiato i contenuti?

La fase di studio dei contenuti non è affatto semplice, ma richiede competenze elevate nell’ambito della comunicazione: occorrerà valutare target e strategie di comunicazione per far vedere al cliente i contenuti che si aspetta  (un po’ come la disposizione dei prodotti all’interno di un supermercato).

Quindi voglio ricordare: senza “testi e immagini” non si inizia a lavorare!!

Le immagini e le fotografie,
Adobe Photoshop

Quale miglior software di Adobe Photoshop per i flussi di lavoro (fotoritocco, fotomontaggio. ottimizzazione…) che riguardano le foto? Questo software è decisamente il prodotto più conosciuto e professionale allo stesso tempo (caratteristiche non sempre in accordo, nel mondo “reale”). Grazie a questo prodotto potremmo avvalerci dei migliori strumenti di editing fotografico e grafico, studiati e implementati da fotografi, dai grafici e dai programmatori di casa Adobe, dall’ormai lontano 1990.
Preferirei sicuramente le immagini in formato RAW, per poter ottenere  il massimo dallo scatto digitale e adopererei i flussi di lavoro automatizzati di Photoshop (azioni, batch…) per elaborare in pochi click grandi quantità di fotografie da pubblicare online; si spera ovviamente che le foto siano scattate da un fotografo professionista, informato sulla linea comunicativa da tenere per il cliente.

La gestione dei video,
YouTube, Vimeo…

Per realizzare i video occorre rivolgersi a professionisti del video editing; per quanto riguarda la pubblicazione sul sito è necessario tenere in considerazione che, data l’enormità di formati e tipologie di computer, browser e dispositivi, sarà necessario rivolgersi ad un servizio online come YouTube e Vimeo. Questi si preoccuperanno di convertire il video in tutti i formati possibili e in tempi assolutamente più veloci rispetto anche ad una sola conversione effettuata sul nostro pc di casa.

I servizi online offrono molti vantaggi, rispetto al caricamento del video direttamente sulle nostre pagine del sito web:

  1. Facilità di pubblicazione: scarico il video sul computer, lo elaboro eventualmente, mi connetto al mio profilo/canale, e carico online.
  2. Facilità di gestione: database dei video, metadati, modifiche online e velocissime.
  3. Integrazione sul proprio sito. Guardi il video, vai sulle opzioni di condivisione, prendi il codice, lo incolli nel tuo Html, lo formatti con i css.
  4. Il formato. quale formato video tra i centinaia disponibili? e per l’audio? Sono domande a cui non daremo nessuna risposta: penserà a tutto il convertitore di YouTube (flash o Html5) e non dovremo letteralmente “impazzire” per rendere compatibile i nostri video su tutti i computer.
  5. Socialità e indicizzazione. YouTube in questo caso, sicuramente batte tutti. Il nostro video potrà essere commentato, visitato, integrato su altri siti, protetto con licenza Creative Commons con un click, potrà contenere istruzioni e l’indirizzo del nostro sito visibile a tutti. Oppure no: basterà impostare correttamente le impostazioni di privacy.

Una piccola precisazione, sulla quale non pretendo condivisione assoluta: credo che nella maggior parte dei casi, gli utenti saranno facilitati quando sul nostro sito troveranno il player video che sono abituati ad utilizzare, cioè quello di YouTube o Vimeo, senza perdere tempo nel capire dove si trova il pulsante dell’audio, o come si “manda avanti”, o la modalità a pieno schermo.

Studio del layout
Adobe Illustrator o Photoshop?

È sicuramente più diffusa la pratica di creare il layout del sito su Photoshop, probabilmente perché più conosciuto e diffuso; sono ragioni più che valide per optare verso questa scelta, ma vorrei far notare che Adobe Illustrator è un software più pratico per impaginare e totalmente integrato con le funzionalità di Photoshop; inoltre i due offrono sistemi diversi (pixel  e vettoriale) per la realizzazione delle grafiche che insieme, offriranno la possibilità di realizzare qualsiasi progetto. La mia opinione è quindi: usiamo entrambi: effetti su Photoshop, impaginazione su Illustrator.

Viste poi le nuove funzionalità del pannello CSS di Adobe Illustrator CC, si evince che anche Adobe propende verso la realizzazione di layout con questo prodotto piuttosto che con Photoshop, il quale resta comunque il prodotto più potente per effetti e fotorealismo.

Creare il sito e pubblicarlo.
libero il codice, liberi dai software…

Io utilizzo Adobe Dreamweaver che è un ottimo software, ma attenzione: i linguaggi del web sono in genere open source e gestiti, per quanto riguarda la loro attualizzazione e standardizzazione (caratteristica importante perché i siti siano uguali per tutti, funzionanti ed accessibili) da un organismo di controllo che si chiama W3C (link, ufficio italiano del w3c). I produttori dei browser web si devono solo adattare agli standard. Personalmente consiglio di utilizzare codice Html e Css certificato w3c (cerca su google)per i software vedete voi (basta anche un foglio di testo).

Ciao.